Archivio

Posts Tagged ‘censura’

Io non voglio essere cancellato

In estrema sintesi sta succedendo questo: il 6 luglio l’AgCom voterà una delibera con cui si arrogherà il potere di oscurare siti internet stranieri e di rimuovere contenuti da quelli italiani, in modo arbitrario e senza il vaglio del giudice.
Siccome, con ogni evidenza, si tratta di una misura degna dei peggiori regimi, sarebbe il caso di rimboccarsi le maniche per evitare che venga approvata.
Cosa puoi fare:

  • se sei un blogger scrivi un post, usando il logo che vedi qua sopra e riportando tutti i link, e diffondilo più che puoi tra quelli che conosci;
  • vai alla pagina di Agorà Digitale in cui sono raccolti tutti i link, le iniziative e le proposte dei cittadini;
  • firma e diffondi la petizione sul sito di Avaaz;
  • partecipa e invita tutti i tuoi amici a “La notte della rete“: 4 ore no-stop in cui si alterneranno cittadini e associazioni in difesa del web, politici, giornalisti, cantanti, esperti.

Mi sa che è ora di darsi da fare: altrimenti tra poco rischiamo di essere cancellati.
A me la prospettiva non piace per niente.
E a voi?

Fonte: Metilparaben.blogspot.com

//

Annunci

Il diktat di Masi

Quando qualcuno non ti sta bene lo chiudi. Ecco qual’è la politica adottata dal direttore generale della RAI Masi che, mercoledì, chiederà al CdA RAI di chiudere Saviano e Fazio, per eliminare lo scomodo programma “Vieni via con me“. D’altra parte non siamo nuovi a questo modus operandi che, a suo tempo, fece già fuori Biagi, Santoro e Luttazzi. Questi erano accusati da un certo tizio basso e (allora) pelato di fare della tv pubblica un uso criminoso. Cosa, invece, avranno fatto di male Fazio e Saviano per meritarsi lo stesso trattamento? Semplice: hanno abusato della libertà di parola loro concessa, del diritto di esprimersi e sono colpevoli di attirare un gran numero di spettatori, sì perchè lunedì scorso “Vieni via con me” ha ottenuto, vincendo la serata, 7.623.000 spettatori e il 25,48% di share, raggiungendo picchi superiori a 9.300.000 spettatori e al 32% di share. Boom di contatti anche sul web: sono oltre 2.200.000 ad oggi le pagine viste sul sito Vieniviaconme.rai.it, mentre i video on demand superano il mezzo milione.
Solo in un paese come questo, un uomo coraggioso come Saviano, non solo deve aspettare 4 anni dalla pubblicazione del suo libro per avere uno spazio in tv tutto suo, ma adesso rischia anche di perderlo a causa di un tizio che pensa che la RAI sia una cosa sua.

Questa sera saranno ospiti della puntata (probabilmente l’ultima) Bersani e Fini che, in risposta alle proteste delle alte sfere della RAI, hanno confermato la loro presenza. Perchè in quale paese al mondo si puo’ vietare che il presidente della Camera e il principale segretario del partito di centrosinistra possano intervenire sui valori della destra e della sinistra?

L’ennesimo editto bulgaro, l’ennesima censura. Guardiamoci l’ultima puntata, questa sera, e dimostriamo che la CULTURA batte il… GRANDE FRATELLO!

URL foto: Televisionando.it

//

Travaglio ad Annozero 21/10/2010

Un grande uomo che, con la sua dialettica e la sua ironia, riesce a spiegare, anche argomenti complicati, in maniera semplice, chiara e concisa. Vai Marco!

Tanto per intenderci: Reporters sans frontières è un’organizzazione che si batte per la libertà di stampa dal 1985. L’organizzazione riesce a monitorare il fenomeno della libertà di stampa a livello mondiale e pubblica ogni anno delle statistiche sulla situazione nei diversi Paesi. L’Italia nel 2010 è al 49° posto al pari del Burquina Faso. Mah…

Fonte: http://marcolupoli.wordpress.com/2010/10/21/liberta-di-stampa-2010/

//